Motorizzazione degli scambi.


I motori montati sotto il piano base, direttamente sugli scambi, avrebbero creato problemi alla circolazione dei treni nella sottostante stazione nascosta. Per questo sono stato costretto a montarli distanti dagli scambi stessi, usando questo meccanismo. L'abbinamento Peco - Tillig critico a causa della corsa dei motori Peco appena sufficiente per "girare" gli scambi, ma con un po' di attenzione si riesce a sfruttarla appieno ed a garantire il funzionamento. I motori sono comandati a scarica capacitiva, eliminando il ronzio e disponendo di una forza maggiore per muovere tutte le parti in gioco.


Un motore motontato a distanza dallo scambio (100).